L’importanza di leggere ai bambini

[reading_time time="1 minuto"]

Togliere le scarpe, lavarsi le mani, preparare la cena, cambiarsi i vestiti mentre il tutto ribolle, controllo compiti, arriva il momento di mangiare, capricci, doccia, televisione. Infine arriva l’ora delle nanne e finalmente crolla con il gusto del dentifricio ancora in bocca, dopo aver testato le molle del materasso. disordine_stressSi sa, la routine porta a farci prediligere le serate tranquille, quelle quotidiane in cui i nostri bimbi non decidono di rifiutare la pasta perché il sugo ha uno strano odore. Quelle serate in cui gira tutto liscio, in cui basta una buona notte, un bacio ed una coccola e subito gli occhi si chiudono mentre noi genitori possiamo ritornare ad ascoltare il fischio del frigorifero.

Eppure c’è una abitudine che non andrebbe trascurata: la lettura ad alta voce.

Secondo il parere dei dottori, il leggere ad un bambino, porterebbe dei miglioramenti a livello linguistico, creativo e in generale per lo sviluppo dell’intelligenza.

Chi invece pratica questa attività serale tende a soffermarsi sugli aspetti della coltivazione del legame tra genitori e figli, celebrando l’attività di lettura come un momento intimo che aiuterebbe i bambini ad esprimere i propri pensieri e le proprie emozioni.

«Una lettura ad alta voce, è in grado di “rapire” un bambino almeno quanto un videogame»

afferma il dottor Michele Gangemi, dell’Associazione Culturale Pediatri e pediatra di libera scelta a Verona, durante un’intervista rilasciata per il Corriere della Sera-Salute.img3
Non esiste una età ideale in cui iniziare a leggere, è un’abitudine che è meglio coltivare fin da piccoli, ovviamente cercando i testi più adatti.
Non servirebbe nemmeno aspettare che il bambino cominci a dire "mamma" e "papà" per iniziare a coltivare questa passione. Così com'è consigliato far ascoltare la musica al futuro nascituro, anche ascoltare la voce di mamma e papà immersi nella lettura sembra avere un effetto rilassante. Sempre che non amiate leggere libri horror o thriller psicologici perché in quel caso potrebbe cominciare a far le capriole.

 

E i libri digitali?

ipad-1411864_640Non c'è alcuna differenza. Bisogna solo prestar attenzione ai dispositivi retro-illuminati (tablet, Ipad) ricordandoci d’aver cura di abbassare la luminosità o nei dispositivi che lo permettono inserire la “luminosità di lettura”. Se non vi sembra sufficiente per riuscire a leggere accendetevi una luce, anche a bassa intensità. Utilizzare la luminosità alta del tablet prima d’addormentarsi può essere causa d'insonnia. Sintomo che si può riscontrare anche se si guarda la televisione senza una luce accesa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.